CfakepathSchermata2019-04-25alle18.16.52

twitter
instagram

Per conoscermi come consulente per le aziende, psicologa, psicoterapeuta, trainer, coach e docente universitaria clicca qui 

UxTTMBpmda5Svid6xxHWj8B0odABuPNuVho0E7m-2QweJxFPc.jpeg

Privacy Policy

21369315102117779886198743645053901579573937n
483331486931231334860774230425n

Sono nata, ultima di cinque figli a Rutigliano (Bari), paese noto per l’uva e i fischietti in terracotta e spesso confuso con il più noto Polignano. Per ragioni familiari ho iniziato a lavorare subito dopo il diploma e da allora ho sempre lavorato e studiato e ancora continuo. Vivo a Roma da più di venti anni e ho al mio attivo otto traslochi (nessuno dei quali, è bene sottolinearlo, perché cacciata dal condominio).

 

Appassionata di fotografia, amo i posti freddi e poco affollati (anche se i tentativi di chiudermi nel frigorifero sono finora falliti). Vivo con il mio compagno, dopo due convivenze fallite, e con il mio gatto immaginario, ogni tanto da casa mia transita una nipote che aspira a fare l’attrice e nel frattempo aumenta l’entropia nella mia vita.


Con un passato di manager aziendale, ora sono consulente per le aziende, psicologa, psicoterapeuta, trainer, coach e docente universitaria, scrittrice con la passione per la fotografia. Scrivo da sempre ma pubblico dal 2005, per lo più racconti, soprattutto di SF, ma non solo. 


Ho avuto riconoscimenti in vari concorsi letterari tra i quali il RILL in più edizioni, Sentiero dei Draghi, AlberoAndronico, “Speciale Donna”, NASF, ho vinto il concorso “Le Fenici” con la raccolta “Quasi Amore”.

Ho collaborato alla stesura delle antologie “Onda d’Abisso”, “Fedeli al Mito”, all’antologia Crisis, edita da Delle Vigne e a “Ma gli Androidi Mangiano Spaghetti Elettrici?” pubblicata in occasione dell’EXPO a Milano.

Dal 2016 membro del collettivo di scrittura della Carboneria Letteraria. Sono coautrice, con Lidia Calvano, di due saggi sull’uso dei tarocchi e delle favole in chiave evolutiva. Scrivo anche aforismi e ho scoperto che si trovano persino in inglese, in turco, e in spagnolo in giro per la rete…


Mi piace raccontare e ascoltare storie.

Continuo a scrivere - meno di quanto vorrei - perché ho capito che in Italia è l’unico modo di parlare senza essere interrotti.

 

 

Per informazioni sul mio lavoro come psicologa, psicoterapeuta, coach e consulente per le aziende visitare il sito cliccando al link qui di seguito: 

 

 

Create a website